PROSPETTIVE

Il Centro svizzero di competenza per i diritti umani ritiene che il nuovo orientamento strategico introdotto nell’anno in esame, incentrato su assi di ricerca principali a lungo termine e su una stretta collaborazione tra i Settori tematici, abbia dato buoni risultati.

Nel 2017, il CSDU potrà basare il proprio operato su alcune esperienze acquisite nel 2016. La nuova strategia non solo permette di dare continuità alla trattazione dei temi, ma offre anche l’opportunità di rafforzare la comunicazione dei contenuti. Anche nel 2017, quindi, l’accento sarà puntato sui tre attuali assi di ricerca principali: restrizione e privazione della libertà, accesso alla giustizia e diritti dei gruppi di popolazione particolarmente vulnerabili.

Al riguardo, il CSDU approfondirà ulteriormente i risultati dei suoi studi sullo stato di attuazione degli obblighi in materia di diritti umani attraverso colloqui con specialisti, convegni pubblici e conferenze nazionali. Ciò permetterà di presentare i contenuti del suo lavoro a un pubblico più vasto. Vista la forte richiesta, il CSDU potenzierà l’offerta di eventi di formazione continua per categorie professionali specifiche. In particolare, sono previsti moduli sul tema dei diritti umani per assistenti sociali e sull’attuazione della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Il CSDU, continuerà inoltre ad ampliare il proprio ventaglio di opuscoli sull’importanza della CEDU e sulla protezione che i diritti umani offrono nella vita di tutti i giorni. Nel 2017, inoltre, richiamerà l’attenzione sulla Revisione periodica universale (UPR) della Svizzera da parte del Consiglio ONU dei diritti umani in programma in autunno.

Infine, la consultazione prevista questa estate sul progetto di legge per un’Istituzione nazionale per i diritti umani (INDU) costituirà un’ulteriore pietra miliare e permetterà ad associazioni, partiti, ONG e ambienti interessati di esprimersi al riguardo. Le esperienze fatte con il progetto pilota CSDU si riveleranno preziose se si deciderà di creare una INDU secondo i Principi di Parigi.

CONDIVIDERE SU:
FacebookTwitterEmail